Isola: il quartiere dove la street art milanese è cresciuta

Isola è un quartiere di Milano dove la street art è nata, cresciuta e si è evoluta arrivando ad essere ciò che vediamo oggi. Qui ci sono stati, e ci sono tutt’ora, tantissimi punti di riferimento per il movimento urbano milanese.

Il quartiere Isola di Milano è un vivace distretto situato a nord del centro città. Famoso per la sua atmosfera cosmopolita, Isola è caratterizzato da strade accoglienti, caffè alla moda, ristoranti di alta qualità e una vivace scena artistica. Con la sua storia industriale, le vecchie fabbriche convertite e la presenza del Bosco Verticale, Isola offre una fusione affascinante di passato e modernità, attirando residenti e visitatori con la sua atmosfera dinamica e innovativa.

Il quartiere ha subito una trasformazione importante negli ultimi 20 anni: passando da zona alternativa, isolata dalla più famosa Corso Como e dalla Milano by-night, a punto di riferimento per le serate milanese. Oggi Isola è uno dei quartiere più cool d’Europa ed attira gruppi eterogenei offrendo praticamente tutto: arte, divertimento, relax e cultura.

In alcune vie del quartiere è ancora possibile percepire l’essenza del passato: poster, graffiti e tag si diffondono sulle facciate e sui pali della luce, in maniera incontrollata ed in continuo cambiamento. Ogni tanto questi muri vengono ripuliti, ma nel giro di pochi giorni le tag tornano: questo ci racconta come nonostante l’evoluzione dei grandi muri e della street art commissionata, la zona riesca ancora a mantenere una piccola ombra antagonista. I grandi muri invece ci raccontano storie importanti e ci fanno riflettere su quanto sia importante l’arte urbana nel contesto cittadino.


Video dedicati alla street art di Isola Milano


Come arrivare al quartiere Isola di Milano

La soluzione migliore per raggiungere il quartiere Ortica di Milano sono i BUS delle linee 38, 39, 54, 75


Mappa dei muri nel quartiere Isola di Milano


Forme e colori di Nabla & Zibe

Posizione: via Pollaiuolo, bar Frida

Nabla e Zibe, dinamico duo di artisti urbani milanesi, sono noti per la loro capacità di trasformare gli spazi urbani in vibranti opere d’arte. La loro collaborazione artistica si traduce in murales vivaci e ricchi di colori, celebrando la memoria e la cultura visiva in chiave pop. Attraverso la loro arte, Nabla e Zibe contribuiscono a dare nuova vita ai quartieri milanesi, unendo creatività e impatto visivo. Il loro lavoro all’esterno del Bar Frida si unisce ai muri già presenti al suo interno creando grande impatto visivo.


Il muro dedicato ad Aida Accolla degli Orticanoodles

Posizione: via Borsieri 5

L’imponente murale degli Orticanoodles reinterpreta il ritratto scultoreo di Francesco Messina della celebre étoile Aida Accolla. L’opera è frutto della creatività del collettivo milanese, in stretta connessione con la mostra “Inside,” la loro prima personale in uno spazio museale svoltasi nel 2021 presso lo Studio Museo Francesco Messina. Questo omaggio segue precedenti tributi a Carla Fracci e Luciana Savignano, amati dallo scultore, rappresentati dal collettivo con il proprio linguaggio pittorico. Il murale, eseguito con la tecnica dello spolvero, si presenta come un affascinante mosaico di strisce di colore che danno forma al volto della ballerina, unendo armoniosamente il corpo umano con la natura attraverso fiori e piante, creando così un trionfo cromatico.


Contro ogni violenza sulle donne di SteReal

Posizione: via Guglielmo Pepe 12

Un muro contro la violenza sulle donne: un messaggio forte e diretto. Un tema caldo e delle immagini che vogliono dare consapevolezza su un grande problema della società moderna. La iniziativa #violenzaalplurale ha coinvolto sia una strategia digitale di sensibilizzazione che una strategia offline con la creazione di tre opere murali in collaborazione con Stradedarts: a Milano per mano dell’artista SteReal, a Roma di Napal e a Caserta di Yele.


Close the Gap Open your Future di Rosk

Posizione: Via Gaetano de Castillia

Il murale di Giulio Gebbia, noto come Rosk, a Milano, sostenuto da Fastweb, trasmette un messaggio urgente sulla necessità di eliminare le distanze che generano disuguaglianze. L’opera simboleggia la visione di Fastweb per una società più inclusiva e equa, con due bambini che spingono contro muri solo apparentemente immobili, illustrando l’impegno costante necessario per costruire un futuro accessibile a tutti. Il murale si integra armoniosamente nel contesto della Biblioteca degli Alberi, un luogo vivace frequentato dai bambini, diventando così un simbolo del futuro.


Microbo BO The Don

Posizione: via Sebenico

Il murale di Microbo, The Don e Bo130 è un’icona che persiste nel tempo, caratterizzata da una piacevole tonalità di blu. I tre artisti di strada creano un dialogo armonioso tra le loro opere, mantenendo comunque la propria individualità. Le forme morbide e tondeggianti di Bo130 si integrano con il mondo astratto di Microbo, popolato da fili intricati e microbi, dai quali emergono le eleganti campane di The Don.


Potrebbero interessarti

Gallaratese: i grandi muri di Milano

La street art nel quartiere gallaratesi di Milano è tra le più interessanti del momento: grandi muri e grandi artisti, scopri dove vedere le opere